La Ginecologia

a portata di Donna

 

Antidepressivi in gravidanza

Sono stati studiati i possibili eventi avversi legati all’uso di antidepressivi in gravidanza, compresi i rischi di patologie neonatali e malformazioni congenite.

I dati sono stati presi dal Registro Medico delle Nascite Svedese (MBR) dal 1 luglio 1995 al 2007 e sono state identificate le donne che hanno riferito l’uso di antidepressivi nelle fasi iniziali o durante la gravidanza: in totale 14.821 donne con 15.017 neonati.E’ stata dimostrata un’associazione tra il trattamento con antidepressivi e preesistente diabete ed ipertensione, ma anche con diverse complicazioni della gravidanza.

Vi e’ stato un aumento di parti indotti e tagli cesarei.

Si e’ registrato un maggior numero di parti pretermine, ma non di difetto di crescita intrauterina.

Con l’uso dei triciclici si e’ registrato un aumentato rischio di ipertensione polmonare neonatale ed un maggior numero di malformazioni congenite.

E’ stata osservata un’associazione tra uso di paroxetina e difetti cardiaci congeniti e ipospadia.

Quindi le donne che usano antidepressivi durante la gravidanza e i loro neonati hanno un aumento di patologie.

Non e’ chiaro quanto questo sia dovuto all’uso dei farmaci o al verificarsi delle patologie stesse.

L’uso degli antidepressivi triciclici e’ associato ad un maggior rischio rispetto agli altri antidepressivi e la paroxetina sembra essere associata a specifici effetti teratogeni.¬†

Psychol Med 2010 Gen 5:1-11

Scritto il 18 gennaio, 2010


Blog Medici Italia

Medici Italia


Leggi altri articoli...


Prenota Visita

È possibile prenotare una visita o un esame diagnostico con il Dott. Sergio - Tel. 347-3513836 oppure inviando una mail a marcello.sergio@inwind.it


Studio Medico

(Studio Professionale - Privato)
Via R. Malatesta 326 - ROMA (RM)

Per contatti o appuntamento telefonare al 347 3513836
E-mail:


HONcode

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilita` dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica. Verifica qui.